de fr it

Federazione svizzera delle lavoratrici

Bollini di solidarietà della Federazione svizzera delle lavoratrici, 1910 ca. (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F Ob-0001-191).
Bollini di solidarietà della Federazione svizzera delle lavoratrici, 1910 ca. (Schweizerisches Sozialarchiv, Zurigo, F Ob-0001-191).

In Svizzera le prime associazioni di lavoratrici furono fondate a partire dal 1885 da Gertrud Guillaume-Schack, attivista della seconda Internazionale. Nel 1890 cinque di queste associazioni (quelle di Basilea, Berna, San Gallo, Winterthur, Zurigo) si unirono nella Federazione svizzera delle lavoratrici. Verena Conzett ne fu la prima presidentessa; durante il suo mandato i postulati centrali dell'organizzazione furono la protezione assicurativa e la tutela delle puerpere (protezione dei lavoratori, maternità), e dal 1893 anche il suffragio femminile. Le iscritte furono soprattutto domestiche, lavoratrici a domicilio, casalinghe e insegnanti non organizzate sindacalmente. Integrata nell'Unione sindacale svizzera (USS) dal 1904 al 1908, la Federazione delle lavoratrici acquisì un profilo politico con Margarethe Hardegger, segretaria sindacale dal 1905 al 1909, e con le riviste Die Vorkämpferin e L'Exploitée, da lei fondate. Sotto l'influsso della tedesca Clara Zetkin la Federazione rifiutò l'adesione all'Alleanza delle società femminili svizzere (ASF), fondata nel 1900, e cercò invece la collaborazione con organizzazioni femminili proletarie nel quadro delle Conferenze internazionali delle donne. Nel 1911 la Federazione invitò a celebrare l'8 marzo la prima giornata internazionale delle donne. Nel 1912 aderì al Partito socialista (PS); nel 1917 la Federazione e le sue associazioni (45 sezioni, 2250 iscritte) si sciolsero.

Riferimenti bibliografici

  • Frei, Annette: Rote Patriarchen. Arbeiterbewegung und Frauenemanzipation in der Schweiz um 1900, 1987.
  • Mesmer, Beatrix: Ausgeklammert – Eingeklammert. Frauen und Frauenorganisationen in der Schweiz des 19. Jahrhunderts, 1988.
  • Holenstein, Katrin; Ryter, Elisabeth: Rote Fahnen – lila Tücher. 8. März: Zur Geschichte des Internationalen Frauentages in der Schweiz, 1993.
Link

Suggerimento di citazione

Joris, Elisabeth: "Federazione svizzera delle lavoratrici", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 25.01.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/030557/2021-01-25/, consultato il 23.09.2021.