de fr it

Ufficio nazionale svizzero del turismo (UNST)

Manifesto pubblicitario per l'UNST, realizzato nel 1969 dal grafico e fotografo Philipp Giegel (Biblioteca nazionale svizzera).
Manifesto pubblicitario per l'UNST, realizzato nel 1969 dal grafico e fotografo Philipp Giegel (Biblioteca nazionale svizzera).

Nel 1917, a seguito di una mozione presentata dal Consigliere nazionale Alexander Seiler nel 1911, venne creata un'ass. nazionale per la promozione del turismo. Nel 1937 assunse il nome di Ufficio centrale sviz. del turismo e nel 1940 fu trasformata in un ente di diritto pubblico con sede a Zurigo. La legge fed. in materia del 1955 (sottoposta a revisione nel 1995) le assicurò una base legale sotto la ragione sociale di Ufficio nazionale sviz. del turismo (UNST). Ridenominata Svizzera Turismo alla fine del 1996, l'org. mantello cui partecipano Conf., cant., enti turistici regionali e operatori del ramo turistico e gastronomico, si occupa di promuovere la Svizzera come destinazione di vacanze e viaggi e sede di congressi. Per migliorare la propria presenza all'estero, nel 1923 aprì una prima agenzia a Nizza. Nel 1940 rilevò il servizio pubblicitario delle FFS, creato nel 1904, con uffici ad Amsterdam, Berlino, Bruxelles, Cairo, Londra, Milano, New York, Parigi, Praga, Roma, Stoccolma e Vienna. Nel 2012 disponeva di 22 agenzie con ca. 240 collaboratori, ed era presente su 27 mercati nazionali. Oltre a un sito internet molto visitato, l'ufficio gestisce campagne pubblicitarie e pubblicazioni sul paesaggio, sugli usi e costumi e sulla cultura della Svizzera e produce guide turistiche, carte, filmati e opuscoli pubblicitari. Pubblica inoltre la collana Wege zur Schweiz e, dal 1934, una propria rivista, apparsa con diversi titoli (dal 2009 Schweiz: das Wandermagazin).

Riferimenti bibliografici

  • 75 anni Ufficio nazionale svizzero del turismo, 1992
Scheda informativa
Variante/i
UNST
Contesto Svizzera Turismo