de fr it

Benoît Cize deGrésy

ca. 1606, dopo il 1684, catt., originario della Savoia. Barone (1648) e marchese (1669), fu diplomatico e Consigliere di Stato alla corte dei Savoia. Soggiornò in qualità di ambasciatore della stessa in Gran Bretagna (1642-44), a Parigi e a Münster (Vestfalia). Inviato nel 1649 nei sei cant. catt., riuscì a rinnovare la loro alleanza con la Savoia nel 1651. Nel 1656 contribuì alla conclusione della terza Pace nazionale. Ambasciatore ordinario a Lucerna (1666-72), intervenne alla Dieta fed. del 1668 affinché i cant. alleati con la Savoia rinunciassero alla protezione di Ginevra. Su sua insistenza, nel 1671 il principe ereditario della Savoia, Vittorio Amedeo I, fu accolto nell'alleanza. In veste di ambasciatore straordinario (1678-81) dissuase nuovamente i cant. catt. dallo schierarsi in favore di Ginevra nel contenzioso con i Savoia, ottenendo poi il rafforzamento della loro alleanza con il duca Vittorio Amedeo II (1683-84).

Riferimenti bibliografici

  • E. Rott, Histoire de la représentation diplomatique de la France auprès des cantons suisses, de leurs alliés et de leur confédéres, 8, 1923, 469
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ ca. 1606 ✝︎ dopo il 1684