de fr it

GustaveNaville

17.10.1848 Ginevra, 6.11.1929 Kilchberg (ZH), rif., di Ginevra e Zurigo. Figlio di Jacques-Adrien (->). Fratello di Edouard (->). (1874) Charlotte Neher, figlia di Johann Georg. Cognato di Oscar Neher. Dopo le scuole a Ginevra, studiò ingegneria meccanica al Politecnico fed. di Zurigo (1867-70). Fu attivo per la Escher, Wyss & Cie (1873-1902), dapprima come ingegnere, e in seguito come pres. del comitato direttivo (dal 1882) e delegato del consiglio di amministrazione (1889); dal 1876 detenne una partecipazione nell'impresa. Prese parte alla fondazione della Schweizerische Metallurgische Gesellschaft (1887) e della Aluminium Industrie AG (1888, in seguito Alusuisse), di cui fu vicepres. del consiglio di amministrazione (1888-1915), pres. (1915-29) e direttore generale (dal 1920). Fu membro del consiglio di amministrazione del Credito sviz. (1892-1900), cofondatore e membro del comitato direttivo della Soc. sviz. dei costruttori di macchine (1883-1928), membro del comitato direttivo dell'Ass. padronale sviz. dell'industria metalmeccanica (1905-29), cofondatore e pres. dell'Unione centrale delle ass. padronali sviz. (1908-21) e pres. della Soc. sviz. degli ingegneri e degli architetti (1907-12). Fece inoltre parte del Consiglio dei Politecnici fed. (1891-1927, dal 1898 vicepres.). Nel 1918 fu insignito del dottorato h.c. del Politecnico fed. di Zurigo. Tra i pionieri dell'industria dell'alluminio, alla Escher Wyss promosse la costruzione di imbarcazioni a vapore e turbine per le centrali fluviali. Rappresentò e organizzò gli interessi della tecnica e dell'industria in numerose ass. e consessi. Colonnello (1898).

Riferimenti bibliografici

  • A. de Mestral, «G. Naville-Neher 1848-1929», in Pionniers suisses de l'économie et de la technique, 4, 1958, 31-48
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Bürgi, Markus: "Naville, Gustave", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 08.07.2009(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/030955/2009-07-08/, consultato il 25.10.2020.