de fr it

ErnstHadorn

31.5.1902 Forst, 4.4.1976 Wohlen bei Bern, riformato, di Forst. Figlio di Christian, agricoltore, e di Elisabeth nata Lehner. Marie Berta Daepp, insegnante. Studiò biologia a Berna e divenne insegnante elementare a Lütiwil (Arni BE, 1922-1925). Dopo il dottorato (1931), fu docente di scuola secondaria a Thun, poi libero docente all'Università di Berna (1936). Proseguì la sua formazione negli Stati Uniti (1936-1937) e divenne in seguito professore straordinario (1939), professore ordinario, direttore dell'istituto zoologico (1943-1972) e rettore (1962-1964) all'Università di Zurigo. Cofondatore della rivista Developmental Biology, fu presidente dell'undicesimo Congresso internazionale di genetica all'Aia (1963). Membro del Consiglio svizzero della scienza (dal 1966) ed eccellente docente, fu uno dei promotori della costruzione dell'Università di Zurigo-Irchel. Unì la genetica e la biologia dello sviluppo, distinguendosi quale pioniere della moderna genetica dello sviluppo. Le sue ricerche sui fattori letali portarono all'importante conclusione che l'attività dei geni è controllata sia sul piano temporale sia su quello spaziale. Membro onorario di varie società scientifiche nazionali e internazionali, tra cui la National Academy of Sciences (Stati Uniti), ottenne il premio Marcel Benoist (1954), l'onorificenza austriaca per le scienze e le arti e il dottorato honoris causa delle Università di Basilea e Utrecht.

Riferimenti bibliografici

  • P.S. Chen et al., «Ernst Hadorn zum siebzigsten Geburtstag», in Revue suisse de zoologie, 79, supplemento, 1972, 5-28 (con elenco delle opere)
  • Zur Erinnerung an Ernst Hadorn, 1976
  • R. Weber, «Schweizer Pioniere der Entwicklungsbiologie», in Revue suisse de zoologie, 101, 1994, 887-904
  • M. Stuber, S. Kraut, Der Marcel Benoist-Preis 1920-1995, 1995
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 31.5.1902 ✝︎ 4.4.1976

Suggerimento di citazione

Nöthiger, Rolf: "Hadorn, Ernst", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 21.01.2020(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/031385/2020-01-21/, consultato il 30.10.2020.