de fr it

LudwigGsell

tra il 1420 e il 1430 a Friburgo in Brisgovia, poco dopo il 1503 a Basilea (?). Menz. per la prima volta a Zurigo, dove fu maestro di zecca fino al 1464. Dal 1459 fu pure responsabile (da Zurigo?) della zecca imperiale di Basilea, dove venivano coniati i fiorini d'oro, e più tardi di quella della città di Basilea e di altre zecche aderenti al concordato monetario del cosiddetto Rappenmünzbund, di cui figura quale membro fino al 1481. Coimputato nel 1475 nel processo monetario basilese per violazione dello statuto della corporazione dell'Orso e per aver mischiato monete di buona e di cattiva qualità, fu condannato a un'ammenda di 500 fiorini renani, ma poté conservare la carica. Fu preposto alle zecche di Friburgo (1464) e di Soletta (1480-84, forse già nel 1469 con il nome Lienhard). Dopo essere stato per brevi periodi supplente presso la zecca di Berna (1474 e 1484), nel 1492 fu confermato quale maestro di zecca in questa città, dove i suoi principali meriti furono l'introduzione della moneta nominale del Batzen e la prima coniazione di talleri nel territorio della Svizzera. Dopo essere stato licenziato (1496), fu attivo nella zecca di Soletta (inverno 1499) e poi di nuovo a Zurigo (dal 1500). A Basilea gestì dal 1479 e fino alla morte la locanda Zum Goldenen Storchen e nel 1482 è menz. quale comproprietario della miniera di piombo di Goppenstein in Vallese. G. fu il più importante maestro di zecca della sua epoca.

Riferimenti bibliografici

  • H.-U. Geiger, Der Beginn der Gold- und Dickmünzenprägung in Bern, 1968
  • R. Kunzmann, Die Münzmeister der Schweiz, 1987
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ tra il 1420 e il 1430 ✝︎ poco dopo il 1503
Classificazione
Economia e mestieri