de fr it

Max UlrichSchoop

10.4.1870 Frauenfeld, 29.2.1956 Zurigo, rif., di Zurigo e Dozwil. Figlio di Ulrich, scultore, e di Maria Kunz. 1) (1898) Martha Bächler; 2) (1929) Frida Neininger. Dopo un apprendistato nel campo della costruzione di accumulatori presso la Maschinenfabrik Oerlikon, fu montatore di impianti elettrici in Russia (1892-95), studiò al Politecnico fed. di Zurigo e negli anni 1897-99 lavorò per diverse imprese a Monaco di Baviera, Parigi e Hirschwang (Bassa Austria). Sviluppò il metodo per saldare l'alluminio e, nel suo laboratorio di Zurigo, il procedimento per la verniciatura a spruzzo del metallo che prese il suo nome e con cui, grazie a una pistola elettrica, si producono strati protettivi con metalli resistenti alla corrosione. Tradusse poi opere di Lev Tolstoj e fu autore di numerose pubblicazioni. Gli furono attribuiti la medaglia John Scott dell'Univ. di Filadelfia (1914) e il dottorato h.c. della scuola tecnica superiore di Braunschweig (1925).

Riferimenti bibliografici

  • Aus dem Leben eines schweizerischen Erfinders, 1956
  • Neue Zürcher Nachrichten, 10.4.1955
Link
Controllo di autorità
GND
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 10.4.1870 ✝︎ 29.2.1956