de fr it

Berau

Frazione di ca. 700 ab. (1990) del com. di Ühlingen-Birkendorf, circ. di Waldshut (D). Non è del tutto certo che B. corrisponda alla località Perauvia, menz. in un documento sangallese dell'VIII sec. Intorno al 1110 una comunità di monache venne trasferita da Sankt Blasien a B. grazie a una donazione del nobile Gottfried von B. e nell'ambito della riforma conventuale cluniacense. Il primo edificio conventuale fu costruito da Bernherus, tagliapietre di Basilea. Nel 1130 Lütold II von Regensberg fondò una filiale: il convento di Fahr sulla Limmat. La sovranità territoriale su B. fu dapprima detenuta da Alpgau, poi dal langraviato di Stühlingen; l'avogadria ecclesiastica, che inizialmente apparteneva ai baroni von Eschenbach, successivamente passò, per vie matrimoniali, ai conti von Nellenburg, che infine la cedettero, nel 1287, a Hermann Am Stad a Sciaffusa. Nel 1478 Hans Am Stad vendette i suoi diritti di avogadria all'abbazia di Sankt Blasien. Alla fine del XVII sec. si stabilì a B. Philipp Emmerich von Stall, un eremita conosciuto come alchimista e guaritore. Dopo l'incendio del 1711, Caspar Moosbrugger eresse un complesso conventuale barocco. Durante le guerre di coalizione, le monache di B. fuggirono a Zurzach e Wislikofen. Il monastero fu secolarizzato nel 1807, gli edifici conventuali andarono distrutti in un grande incendio nel 1846.

Riferimenti bibliografici

  • H. Matt-Willmatt, Berau im südlichen Schwarzwald, 1969
  • Das tausendjährige St. Blasien, cat. mostra, 2 voll., 1983
Link
Controllo di autorità
GND