de fr it

JosefSchmid

20.2.1841 Hitzkirch, 20.2.1928 Basilea, catt., di Hitzkirch. Figlio di Bernard, agricoltore, e di Clementia Winiger. (1872) Louise Alexandrine Blanchenay, figlia di Samuel, agricoltore. Impiegato di banca, fu cassiere cant. di Lucerna (1876-91). Cofondatore (1867) della Banca degli artigiani (Banca popolare di Lucerna dal 1881) e pres. del suo consiglio di amministrazione (1875-1926), fece parte del Consiglio di Stato lucernese per i radicali (1891-1909, Dip. delle finanze) e allo stesso tempo presiedette la commissione di vigilanza della Banca cant. Membro e pres. di diversi consigli di amministrazione (ad esempio Birrifici di Lucerna, industria meccanica Bell, fabbrica di carta Perlen), fu tra i promotori nel 1904 della fabbrica di cioccolata Lucerna a Hochdorf, finanziata con denaro pubblico. Il suo fallimento fu all'origine del divieto per i Consiglieri di Stato e i giudici del tribunale cant. di sedere nei consigli di amministrazione di aziende private e portò alla separazione tra l'amministrazione dello Stato e quella della Banca cant.

Riferimenti bibliografici

  • Doc. relativi al Consiglio di Stato presso StALU
  • Luzerner Tagblatt, 22.2.1928
  • Neue Luzerner Zeitung, 5.3.2005
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 20.2.1841 ✝︎ 20.2.1928

Suggerimento di citazione

Huber, Max: "Schmid, Josef", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 17.08.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/032984/2011-08-17/, consultato il 21.10.2020.