de fr it

Maggi

Manifesto pubblicitario realizzato nel 1915 da Burkhard Mangold (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
Manifesto pubblicitario realizzato nel 1915 da Burkhard Mangold (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).

Conosciuto a livello mondiale, il marchio alimentare Maggi deve le sue origini alla J. Maggi & Cie, impresa fondata nel 1872 da Julius Maggi a Kemptthal (com. Lindau). Nel 1884 questi lanciò sul mercato i legumi Maggi, selezionati con Fridolin Schuler e la Soc. sviz. di utilità pubblica per migliorare l'alimentazione della classe operaia e dai quali nel 1885 ricavò le prime minestre in polvere. Nel 1886 cominciò a produrre preparati per brodi e il condimento Maggi, ottenuto con ingredienti vegetali ma dal sapore di carne. Nel 1890 la trasformazione nella soc. anonima Fabrik von Maggis Nahrungsmitteln pose le basi finanziarie per la vendita e la produzione all'estero (dal 1899 a Singen, D). Nel 1912 fu costituita la holding Allgemeine Maggi-Gesellschaft AG (dal 1934 AG Alimentana), la cui filiale ted. - la Maggi GmbH - divenne durante la seconda guerra mondiale la maggiore produttrice di generi alimentari e una delle principali fornitrici dell'esercito del Terzo Reich. Dopo il crollo subito dal mercato ted. alla fine della guerra, nel 1947 Carl Julius Abegg, membro dei consigli di amministrazione della Holding e della Nestlé & Anglo-Swiss Condensed Milk Co (Nestlé), realizzò la fusione delle due ditte.

Riferimenti bibliografici

  • Archivio storico Nestlé, Vevey
  • Maggi-Chronik, 1, ms., 1942; 2, ms., 1961 (presso Archivio storico Nestlé, Vevey)
  • Pubbl. CIE, 6, 162-200
  • A. Seifert, «Rohstoffmangel und Hetzkampagne: Der Nahrungsmittelkonzern Maggi, 1913-1923», in Schweizer Unternehmen im Ersten Weltkrieg, a cura di R. Rossfeld, T. Straumann, 2007