de fr it

Caran d'Ache

Manifesto pubblicitario realizzato da Jules Courvoisier, 1935 ca. (Bibliothèque de Genève).
Manifesto pubblicitario realizzato da Jules Courvoisier, 1935 ca. (Bibliothèque de Genève).

Nel 1924 Arnold Schweitzer riprese la Fabrique genevoise de crayons, fondata nel 1915 e liquidata nel 1922, e fondò una soc. denominata Fabrique Suisse de Crayons Caran d'Ache (dal russo karandas, che significa matita) che fu lo pseudonimo del caricaturista franc. Emmanuel Poiré (1858-1909). Schweitzer beneficiò ben presto dei consigli di Joseph Reiser, esperto contabile, e dell'appoggio finanziario di Henri Hübscher, che risanarono la ditta e ne assunsero il controllo dal 1947. Il capitale iniziale di 500'000 frs. è salito a 1'900'000 frs., mentre le azioni non sono quotate in borsa. Nel 2002 la fabbrica, con sede a Thônex dal 1974, dava lavoro a 308 persone, mentre la filiale franc. di Gaillard ne occupava altre 20. La ditta esporta in più di 80 Paesi grazie alla qualità dei suoi prodotti e al loro costante rinnovamento: matite colorate solubili, pastelli, acquerelli, portamine automatici, penne biro, penne stilografiche, accendini pregiati.

Riferimenti bibliografici

  • 50 ans Caran d'Ache 1924-1974, 1974
  • AA. VV., Unbekannt - Vertraut, cat. mostra Zurigo, 1987, 18-24
  • Encycl.GE, 7, 118 sg.
Link
Controllo di autorità
GND