de fr it

EdmundSchnyder

7.6.1606 (Johann) Mellingen, 2.2.1677 Lützel, Sankt Urban, catt., di Mellingen. Figlio di Anton, cancelliere della città. Frequentò la scuola del convento a Sankt Urban e fu professo (1620-22). Dal 1622 al 1630 studiò al collegio Saint Bernard a Dole (Franca Contea) e nel 1630 fu ordinato sacerdote. Fu docente di filosofia presso l'abbazia cistercense di Hauterive (1631-34) e in seguito priore (1635-40) e abate (dal 1640) di Sankt Urban. Si impegnò con costanza per la questione della riforma dell'ordine. Forte dell'immunità, dal 1648 negò al Consiglio di Lucerna l'esame dei conti del convento. Nel cosiddetto affare dei confessori (Beichtigerhandel, 1647-52 ), si batté senza successo per il diritto di visita e di confessione nei conventi femminili di Rathausen e Eschenbach, poi esentati dall'ordine da Roma. Nel 1649 l'abate generale lo nominò vicario generale, visitatore della provincia di Svizzera, Alsazia e Brisgovia e di tutti i conventi maschili e femminili della congregazione della Germania meridionale. Si adoperò per la clausura dei conventi dei baliaggi comuni. Fece rinnovare gli stabili di Sankt Urban, per la comunità monastica in espansione. Nel 1654 acquisì la signoria turgoviese di Liebenfels e nel 1667 l'annessa tenuta di Schweikhof.

Riferimenti bibliografici

  • HS, III/3, 416-418, 612-616, 867-870
  • Sankt Urban 1194-1994, 1994, 54 sg.
  • D. Ruckstuhl-Bättig, Der Zisterzienserkonvent St. Urban im 17. Jahrhundert, mem. lic. Berna, 1995
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 7.6.1606 ✝︎ 2.2.1677
Classificazione
Religione (cattolicesimo)

Suggerimento di citazione

Hörsch, Waltraud: "Schnyder, Edmund", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 24.08.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/042142/2011-08-24/, consultato il 23.10.2020.