de fr it

GaspardBérody

ca. 1585, 3.2.1646 Saint-Maurice, catt., di Saint-Maurice. Figlio di Jean-François e di Françoise Christini. (1613) Annilie Odet. Studiò probabilmente teol. in un luogo sconosciuto. Fu notaio, professore e, dal 1609, rettore della scuola di Saint-Maurice. Autore di testi teatrali sacri, tra cui Les noces de Cana (1613) e Vie de saint Sigismond (1632), ottenne un notevole successo con la rappresentazione del martirio di S. Maurizio e della Legione Tebana (1620). Dopo la morte della moglie (1625), si recò in pellegrinaggio a Roma, dove cambiò vita: fu ordinato sacerdote nel 1626, canonico di Saint-Maurice nel 1627, rettore dell'ospedale di S. Giacomo nel 1628 e priore claustrale dal 1643. Collaborò al cartolario dell'abbazia (in nove volumi) e redasse una cronaca, in cui oltre alla vita locale descrisse gli avvenimenti politici del tempo.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso Archivio dell'abbazia di Saint-Maurice
  • P. Bourban (a cura di), Chronique de G. Bérody, 1894
  • HS, IV/1
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ ca. 1585 ✝︎ 3.2.1646