de fr it

Gilberte de Courgenay

20.3.1896 (Gilberte Montavon) Courgenay, 2.5.1957 Zurigo, catt., di Courgenay. Figlia di Gustave Montavon, orologiaio divenuto locandiere nel 1908, e di Lucine Laville. Ludwig Schneider, commerciante, figlio di Johan-Baptist, lattoniere indipendente. Durante la prima guerra mondiale, G., che serviva i clienti nel ristorante dei genitori, divenne la beniamina delle truppe di stanza nell'Ajoie, cui si deve la diffusione della canzone La petite Gilberte de Courgenay (1917) di Hanns In der Gand. Grazie a questa canzone, presto integrata nel folclore popolare sviz., G. divenne celebre in tutto il Paese. Nel tormentato periodo della seconda guerra mondiale, G. divenne protagonista di un romanzo (1939, 19412), di una pièce teatrale di Rudolf Bolo Maeglin (prima rappresentazione nel 1939, testo pubblicato nel 1955) e di due film di propaganda (S'Margritli und d'Soldate, 1940-41; Gilberte de Courgenay, 1941), che la resero un personaggio patriottico leggendario. Nel 1979 venne creata un'ass. per l'acquisto dell'Hôtel de la Gare a Courgenay; divenuta fondazione nel 1998, l'ass. ha proceduto al rinnovo dell'edificio e opera in collaborazione con due analoghe ass. svizzeroted., con sede a Zurigo e San Gallo, impegnate anch'esse nella cura della memoria della "piccola" G.

Riferimenti bibliografici

  • D. Bregnard, Gilberte de Courgenay, 2001
  • J. Schmutz, «Idéal de femme suisse: die Heldin des Schweizer Spielfilms "Gilberte de Courgenay" (1941) als Frauenleitbild», in RSS, 53, 2003, 174-196
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Gilberte Montavon (nome alla nascita)
Dati biografici ∗︎ 20.3.1896 ✝︎ 2.5.1957
Classificazione
Arte e letteratura