de fr it

CamilleMartin

18.8.1877 Ginevra, 17.10.1928 Ginevra, riformato, di Ginevra. Figlio di Ernest. Fratello di Victor. (1904) Albertine Picot, figlia di Constant, medico. Studiò architettura al Politecnico federale di Zurigo e si specializzò al Politecnico di Monaco. Dopo un periodo di perfezionamento presso Carl Schäfer a Karlsruhe, abbandonò la pratica architettonica. Nel 1902 apparve la sua traduzione dello studio di Camillo Sitte L'arte di costruire le città (1889). Conseguì il dottorato all'Università di Friburgo con una tesi sull'architettura del palazzo del Consiglio di Ginevra (1906). Negli anni 1907-1909 insegnò archeologia medievale all'Università di Ginevra e pubblicò articoli sull'architettura del Medioevo e del Rinascimento. Fu segretario dell'ufficio preposto ai risanamenti e all'igiene delle abitazioni (1907-1909) e capo del servizio municipale del quartiere di Vieux Genève (1907-1913), esperienze che lo resero più attento alle questioni sociali. Curò inoltre la pubblicazione della rivista L'Architecture suisse (1909-1913) e fondò, poco prima della morte, il periodico L'Habitation en Suisse (1928). Dal 1920 diresse l'ufficio del piano di sviluppo territoriale, il primo servizio urbanistico cantonale. Camille Martin ebbe un'influenza determinante sullo sviluppo della città di Ginevra.

Riferimenti bibliografici

  • in collaborazione con H. Bernoulli, L'urbanisme en Suisse, 1929
  • I. Rucki, D. Huber (a cura di), Architektenlexikon der Schweiz 19./20. Jahrhundert1, 1998, 363-364
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 18.8.1877 ✝︎ 17.10.1928