de fr it

Lucy-ClaireGretillat-Bouchet

19.7.1915 Sefula (Zambia), 29.12.1996 Bevaix, rif., di Boudry e Montmollin. Figlia di Juste Bouchet e di Isabelle Clara Roulet, missionari. (1942) Charles Albert Gretillat, pastore. Inviata dai genitori a Ginevra per frequentarvi le scuole (1927), fu l'unica donna a studiare teol. evangelica (1934-39). Consacrata pastora (1940) dalla chiesa rif. ginevrina, fu assistente del sacerdote. Dopo il matrimonio, seguì il marito a Saint-Aubain-Sauges (1942), dove educò i suoi quattro figli. Non essendo stata ammessa dalla chiesa di Neuchâtel alla direzione di un ufficio pastorale, si impegnò in favore dell'ordinazione delle donne, intervenendo inoltre quale teol. nel dibattito sul lavoro femminile. Fu rappresentante della Svizzera franc. nella Federazione sviz. delle donne prot. (1950-60) e nell'Unione cristiana delle giovani (YWCA/UCDG, 1954-61), di cui fu delegata in seno al Consiglio mondiale di quest'ultima (dal 1955) e nell'Alleanza delle soc. femminili sviz. (1957-61).

Riferimenti bibliografici

  • Curriculum vitae presso Fondazione Gosteli, Worblaufen
  • AA.VV., Denn wir Frauen sind anders, 1996, 24 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Lucy-Claire Bouchet (nome alla nascita)
Lucy-Claire Gretillat (nome da coniugata)
Dati biografici ∗︎ 19.7.1915 ✝︎ 29.12.1996