de fr it

ErnestBovet

24.5.1870 Losanna, 25.8.1941 Losanna, rif., di Arnex-sur-Orbe. Figlio di Jean-Louis, insegnante, e di Catherine Schwarz. (1897) Marie Louise David, figlia di Emile, pittore. Dopo le scuole secondarie a Losanna e il liceo a Berna (maturità nel 1889), studiò filologia romanza a Zurigo e soggiornò per studio a Berlino e a Roma; nel 1895 conseguì il dottorato con una tesi sui sonetti di Giuseppe Gioachino Belli. Professore incaricato di letteratura franc. a Roma, collaborò alla Semaine littéraire e alla Bibliothèque universelle. Nel 1901 succedette a Heinrich Morf alla cattedra di letteratura franc. e it. dell'Univ. di Zurigo, dove insegnò fino al 1922. Dopo un periodo positivistico, si avvicinò al pensiero sociale e antimaterialista di alcuni pensatori sviz. (Jean-Jacques Rousseau, Alexandre Vinet, Charles Secrétan), aderendo in misura sempre più consistente al vitalismo bergsoniano (Lyrisme, Epopée, Drame, 1911). Fondò e diresse (1907-23) la rivista Wissen und Leben. Dal 1906 al 1920 fu membro della Lega sviz. per la salvaguardia del patrimonio nazionale (Heimatschutz; pres. 1912-18). Fu un convinto elvetista e filoeuropeista. Dal 1922 al 1939 fu segr. della Lega sviz. per la Soc. delle Nazioni.

Riferimenti bibliografici

  • G. Büttiker, E. Bovet, 1870-1941, 1971
  • A. Clavien, Les helvétistes, 1993
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 24.5.1870 ✝︎ 25.8.1941