de fr it

Pedrini

Fam. originaria di Osco, attestata dal XV sec. Ambrogio e Giovanni (entrambi menz. nel XVII sec.) furono risp. alfiere e cancelliere della Leventina. Nel XIX e XX sec. la fam. si distinse soprattutto nel settore alberghiero, assai fiorente a Faido fino alla fine della prima guerra mondiale: Ferdinando (1841-1907), già emigrante a Milano e in Australia, dopo aver aperto un commercio di vini a Faido, negli anni 1870-80 comprò i terreni, dove poi sarebbe sorta la stazione, e fece costruire il primo albergo nel com. e alcune case operaie. Con l'entrata in funzione della Ferrovia del Gottardo (1882) la fam. aprì altri due alberghi, l'Hôtel Faido e l'Hôtel Suisse, gestito dal 1908 dai figli Ferdinando ed Erminio. Fernando (->), fratello di questi ultimi, si distinse invece nelle cariche pubbliche. Anche i figli di Maurizio (1838-1913), gestore di un forno e di un'attività commerciale (dal 1885), dal 1904 figurano come titolari a Faido di una soc. a capo dell'Hôtel Milano e dell'Hôtel Faido, quest'ultimo ancora esistente all'inizio del XXI sec.

Riferimenti bibliografici

  • R. Broggini, «Esempi di trasformazione dell'ambiente a seguito dei lavori della linea del San Gottardo», in Il San Gottardo e l'Europa, a cura di B. Caizzi, D. Jauch, 1983, 229-238