de fr it

Le Preux

Fam. parigina di stampatori e di rifugiati ugonotti. Jean, libraio e stampatore, fuggì da Parigi nel 1563 e si stabilì a Ginevra, dove lavorò presso lo stampatore Nicolas Barbier (1567), di cui sposò una figlia. Alla morte di Barbier rilevò la sua patente e acquistò dalla vedova le giacenze di Ginevra, Parigi e Francoforte sul Meno. Il fratello, François, lo raggiunse nel 1565 e si associò con Jean Petit. Su richiesta dei pastori rif. e del direttore del collegio, i due si trasferirono a Losanna, dove ottennero lo statuto di habitant nel 1569, proseguendo tuttavia la loro attività a Ginevra fino al 1571. Ubicata nel quartiere losannese della Cité dal 1572, la loro officina fu poi trasferita nel convento di S. Francesco (1576). Da quel momento i fratelli lavorarono quasi esclusivamente per l'Acc. di Losanna, pubblicando però anche edizioni clandestine di opere ugonotte come Le Réveille-matin des François. Jean si stabilì a Morges nel 1579, dove ottenne la cittadinanza nel 1580. Nel 1585 ricevette pure la cittadinanza di Ginevra, dove morì nel 1609. Tornato a Ginevra nel 1580, François ne divenne cittadino nel 1585 e vi morì nel 1614. Anche i figli di Jean furono attivi nello stesso ramo: Jean (1574) fu lo stampatore ufficiale della città di Berna dal 1600 al 1614 ed Esaïe (1586) lavorò come stampatore a Ginevra (fino al 1617?).

Riferimenti bibliografici

  • C. F. von Steiger, Jean Le Preux, der erste obrigkeitliche Buchdrucker der Stadt Bern 1600-1614, 1953
  • S. Corsini (a cura di), Le livre à Lausanne, 1993, 25-32