de fr it

JakobKündig

Menz. la prima volta nel 1537, 1564, di Lione, dal 1537 di Basilea. una donna non nota. Attivo come tipografo, a Basilea le sue stampe sono attestate tra il 1545 e il 1563; lavorò anche a Lione con il nome di Jacques Quadier. Del periodo basilese sono note 75 stampe lat., 21 ted., otto greche (firmate con il nome di Jacobus Parcus, come quelle lat.), tre ebraiche, due franc. (con il nome di Jacques Estauge) e una in jiddisch; ricorrono anche le dediche Q. Estaugius e Qu. Parcus Celta. Alcune delle stampe lat., greche ed ebraiche furono realizzate per altri stampatori-editori basilesi, in particolare per Giovanni Oporino. Tra i lavori ted. (illustrati) figurano tra l'altro drammi a carattere popolare e religioso di Valentin Boltz. Nelle stampe di K. furono spesso riutilizzate illustrazioni più vecchie, di origine in parte sconosciuta, ma provenienti probabilmente anche da Lione. La vedova di K. sposò lo stampatore Bartholomaeus Franck, che proseguì l'attività dell'officina.

Riferimenti bibliografici

  • P. G. Bietenholz, Basle and France in the Sixteenth Century, 1971, 74-76
  • J. Benzing, Die Buchdrucker des 16. und 17. Jahrhunderts im deutschen Sprachgebiet, 19822, 40
  • Oberrheinische Buchillustration, 2, cat. mostra Basilea, 1984, spec. VII
  • F. Hieronymus, 1488 Petri - Schwabe 1988, 1997, n. 434 con nota 7
  • Verzeichnis der im deutschen Sprachbereich erschienenen Drucke des XVI. Jahrhunderts, sezione 3, 2000, 43
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Jacques Estauge (pseudonimo)
Jacobus Parcus (pseudonimo)
Jacques Quadier (pseudonimo)
Dati biografici Prima menzione 1537 ✝︎ 1564
Classificazione
Economia e mestieri