de fr it

SternenbergBE

Giurisdizione (Landgericht) bernese (1388-1798), denominata anche Neuenegg. Dopo la guerra di Sempach (1388), Berna annesse i territori a sinistra dell'Aar dal Giura alla catena dello Stockhorn e usurpò i locali diritti langraviali dell'ex langraviato di Burgundia circa Ararim, suddividendoli tra i Landgerichte bernesi di Seftigen e S. Basandosi su questi diritti, Berna stabilì gradualmente il proprio dominio sulle signorie della regione (obbligo fiscale e di leva e diritto di esercitare la giustizia penale). Secondo per importanza dei quattro Landgerichte bernesi ma il più piccolo per dimensione, S. era soggetto all'alfiere della corporazione dei fabbri. Si estendeva dallo Schwarzwasser a sud, dalla Sense e dalla Sarina a ovest fino all'Aar a nord e al Gurten a est, dividendosi in quattro distr.

I suoi tribunali (Dingstätten) avevano sede "sotto la grande quercia" a Gasel (com. Köniz) e "sotto gli abeti" a Neuenegg. Durante l'ancien régime all'alfiere competeva unicamente l'amministrazione militare; era affiancato da un usciere (Freiweibel) locale come funzionario esecutivo. Nel distr. nordoccidentale la giustizia criminale era amministrata dal balivo di Laupen, e nei tre restanti distr. dal Grossweibel di Berna; le basse giurisdizioni dipendevano da diversi signori. Nel Landgericht di S. vigevano gli statuti della città di Berna. Vennero definiti "diritto territoriale di S." diversi privilegi concessi da Berna a S. (1513/17, 1732). Nel 1798 la giurisdizione venne soppressa. Nel 1803 la parte orientale (Köniz, Oberbalm) venne assegnata al baliaggio (Oberamt) risp. distr. di Berna e quella nordoccidentale (Neuenegg, Laupen, Mühleberg, Frauenkappelen) al distr. di Laupen.

Riferimenti bibliografici

  • R. von Stürler, Die vier Berner Landgerichte Seftigen, Sternenberg, Konolfingen und Zollikofen, 1920
  • A.-M. Dubler, «Die Landgrafschaften», in AHVB, 90, 2013, 21-33

Suggerimento di citazione

Dubler, Anne-Marie: "Sternenberg (BE)", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 29.01.2015(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/044737/2015-01-29/, consultato il 22.10.2020.