de fr it

SalomeSchönauer

1640 Basilea, 2.7.1691 Basilea, rif., di Basilea. Figlia di Johann Rudolf Schönauer, amministratore, e di Cleopha Bart. 1) (1659) Christoph Hummel, amministratore del capitolo del duomo; 2) (1680) Christoph Burckhardt (->). Come moglie di quest'ultimo, S. cercò di influenzare le elezioni e la politica da dietro le quinte. Durante i moti del 1691 fu vittima eccellente e simbolo dell'odiato ancien régime (sotto il motto di "governo delle donne"). Il 26.3.1691 fu condannata a una multa di 6000 talleri imperiali e a quattro anni di arresti domiciliari; morì ancora prima della fine dei disordini in completo isolamento.

Riferimenti bibliografici

  • S. Burghartz, «Frauen-Politik-Weiberregiment», in Frauen in der Stadt, a cura di A. Head-König, A. Tanner, 1993, 113-134
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Salome Burckhardt (nome da coniugata)
Salome Burckhardt-Schönauer (nome da coniugata)
Salome Hummel (nome da coniugata)
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 1640 ✝︎ 2.7.1691

Suggerimento di citazione

Burghartz, Susanna: "Schönauer, Salome", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 10.04.2003(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/044893/2003-04-10/, consultato il 25.09.2021.