de fr it

Areusefiume

Principale corso d'acqua del cant. Neuchâtel, nei distr. del Val-de-Travers e di Boudry; (1107: Orose; 1280: Arosa; 1595: La Reuse). La sorgente sgorga in località La Doux, nei pressi di Saint-Sulpice (NE), ed è alimentata dalle acque della valle della Brévine (lago di Les Taillères) e da quelle della parte orientale della conca di Les Verrières (799 m). Il fiume si snoda per 31 km, gettandosi poi nel lago di Neuchâtel, al confine tra i territori dei com. di Boudry e Cortaillod (431 m). Il bacino idrografico dell'A. (405 km2) assicura l'approvvigionamento idrico del 70% della pop. del cant. Neuchâtel grazie agli impianti per la captazione delle acque di Champ-du-Moulin (1887), Les Moyats e Treymont, che coprono il fabbisogno in acqua potabile risp. di Neuchâtel, La Chaux-de-Fonds e Boudry. Tra Noirague e Boudry (270 m di dislivello), nella riserva naturale di fauna e flora del Creux du Van, il fiume si snoda lungo una serie di gole, accessibili dal 1875 grazie a una rete di sentieri. La pesca viene praticata fin dal ME; nel 1943 la navigazione è stata vietata. Dal 1867 al 1869 e dal 1949 al 1984 furono realizzati importanti lavori per modificare il corso delle acque. L'energia idrica dell'A. venne sfruttata fin dai tempi remoti: a Saint-Sulpice per alimentare mulini (attestati dal 1337), una cartiera (1677), un oleificio, una segheria, un impianto di follatura, un frantoio, una tintoria, una fucina, un cementificio (1879), una fabbrica di pasta di legno (1884) e centrali elettriche; a Môtier per mulini (1513), una segheria (1513) e attività legate alla piscicoltura (1891); a Couvet per mulini e una conceria (1865); a Travers per mulini (1563), una segheria e una conceria; a Noiraigue per laminatoi (1858) e un cementificio (1861); a Champ-du-Moulin per mulini, una fabbrica di chiodi e un polverificio (1722); a Boudry per una segheria, uno stabilimento per la produzione di birra, una fabbrica di arnie, una manifattura di lenzuola e di misto lana (1860) e una fabbrica di cappelli di paglia (1882). Tra Noiraigue e Boudry furono costruite sei centrali elettriche. A partire dal XVIII sec. nei pressi di Boudry e Cortaillod, lungo le rive dell'A. e dei bracci canalizzati del suo delta, cominciarono ad insediarsi manifatture di tessuti di cotone stampato (indiane).

Riferimenti bibliografici

  • E. Quartier-la-Tente, Le canton de Neuchâtel, serie 3, 1893-1895; serie 2, 1906-1912
  • A. Dubois, Les gorges de l'Areuse et le Creux du Van, 1902
  • A. Burger, Hydrogéologie du bassin de l'Areuse, 1959
  • Les gorges de l'Areuse, 1986
  • W. Müller, «La stratification toponymique dans le canton de Neuchâtel», in Actes du XVIIIe Congrès international de linguistique et philologie romanes, t. 4, 1989, 617-625
Link
Controllo di autorità
GND