de fr it

RodolfoParavicini

nel 1780, nel 1836 a Odessa (Russia, oggi Ucraina), catt., di Tirano. Figlio di Giovanni Simone, barone del Freudenthal, cittadino adottivo della giurisdizione dell'Oberhalbstein e cancelliere generale di Valtellina dopo la separazione dalle Tre Leghe nel 1797. Nel maggio del 1809 padre e figlio furono tra i capi della rivolta valtellinese rapidamente vinta dai Francesi. Condannato ai lavori forzati a vita ed estradato a Mantova, riuscì a fuggire dapprima a Vienna e poi in Russia, dove fu colonnello e venne insignito dell'ordine di S. Vladimiro. Tornato in Valtellina nel 1814, poiché sostenitore del ricongiungimento con i Grigioni, venne arrestato e deportato a Milano, da dove fuggì a Vienna.

Riferimenti bibliografici

  • G. Romegialli, Storia della Valtellina e delle già contee di Bormio e Chiavenna, 4, 1839, 543-553; 5, 1844, 81-86
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Rodolfo Parravicini
Dati biografici ∗︎ nel 1780 ✝︎ nel 1836
Classificazione
Politica (1790-1848)