de fr it

NiklausGlaser

1460 Berna. Probabilmente esponente della omonima fam. di artisti basilese. una Trina. È menz. nel 1433 e nel 1437 nei conti del tesoriere di Berna per riparazioni alle finestre del municipio. Nel 1447 ricevette l'incarico per la vetrata dei Diecimila cavalieri nel coro della cattedrale di Berna, che eseguì insieme al maestro pittore basilese Bernhart (Bernhart Kremer?) e ai suoi garzoni Peter e Hans G. (1448-50). Nella sua officina furono probabilmente create tra il 1450 e il 1455 ca. le altre pitture su vetro del coro della cattedrale - il più significativo gruppo pittorico su vetro del periodo tardogotico in Svizzera -, con l'eccezione della vetrata della Passione, del 1441. Già prima del 1458 possedette una casa nella Marktgasse di Berna; è cit. in questo contesto con il soprannome di "Magerfritz". L'officina, che gestì con suo cugino Peter, è menz. per l'ultima volta nel 1458. Le pitture su vetro nel coro della cattedrale bernese furono determinate dal quadro stilistico dei progetti e non ci sono quindi indicazioni sulle reali capacità di espressione artistica di G. come pittore su vetro.

Riferimenti bibliografici

  • B. Kurmann-Schwarz, Die Glasmalereien des 15.-18. Jahrhunderts im Berner Münster, 1998
Scheda informativa
Dati biografici Prima menzione 1433 ✝︎ 1460