de fr it

vonGösgen

Veduta della fortezza di Niedergösgen dalla riva opposta dell'Aar. Disegno a penna acquerellato di Emanuel Büchel, realizzato nel 1758 (Kunstmuseum Basel, Kupferstichkabinett).
Veduta della fortezza di Niedergösgen dalla riva opposta dell'Aar. Disegno a penna acquerellato di Emanuel Büchel, realizzato nel 1758 (Kunstmuseum Basel, Kupferstichkabinett). […]

Fam. di baroni, menz. per la prima volta nel 1161 con Bernerus de Cozequovon, attestata fino al 1400. La fortezza di Mottenburg, costruita nel X-XI sec. presso Obergösgen tra l'Aar e lo Stegbach, costituì probabilmente la residenza fam. Gerhard (menz. 1224-67), seguace di Rodolfo d'Asburgo, fu autorizzato dal capitolo di Werd a costruire una seconda fortezza, chiamata ze nidern Göscon (Niedergösgen) - nome presto attribuito a tutta la regione, sulle terre capitolari al di sopra di Bözach. La diocesi di Strasburgo attribuì ai von G. l'avogadria sul capitolo di Schönenwerd. Inizialmente limitati a Obergösgen, sotto Gerhard i possedimenti fam. si estesero sulle due sponde dell'Aar, comprendendo i villaggi di Werd, Niedergösgen, Gretzenbach, Walterswil, Däniken, Dulliken e Stüsslingen. Suo figlio anch'egli Gerhard (1256-1311), e più tardi la vedova di quest'ultimo, Amalia von Hinwil, furono in lite continua con il capitolo di Schönenwerd a causa del tentativo dei von G. di tramutare l'avogadria in una signoria fam. Konrad, fratello di Gerhard, fu preposito di Schönenwerd (1282) e canonico della cattedrale di Basilea (1305-23). Johann (1359-1382), ultimo esponente maschile della fam., perse l'avogadria a causa del matrimonio di suo padre Johann con una donna di rango inferiore, ma mantenne comunque la fortezza di Niedergösgen, che poi cedette nel 1382 ai suoi nipoti Hans e Rudolf von Falkenstein. Amalia, sorella di Johann, soggiornò nella fortezza ancora per poco tempo, finché perse il feudo per fellonia. A partire dal 1399 Hans von Falkenstein fu l'unico detentore del feudo. Nel 1406 i figli di Amalia cedettero i diritti rimanenti ai conti von Falkenstein.

Riferimenti bibliografici

  • J. R. Rahn, Die mittelalterlichen Kunstdenkmäler des Cantons Solothurn, 1893
  • A. Lüthi, «Die Freiherren von Gösgen», in Aargauer Tagblatt, 5.4.1965
  • W. Meyer, Burgen von A bis Z, 1981