de fr it

MarcelDaxelhoffer

22.10.1878 Aubonne, 17.2.1927 Berna, rif., di Bienne e Aubonne. Figlio di Auguste Abraham. Rosa Schwander. Dopo aver frequentato le scuole superiori a Losanna, studiò architettura presso il Politecnico fed. di Zurigo (1897-1901), diplomandosi nel 1901 con Alfred Friedrich Bluntschli. In seguito lavorò presso Pfleghard & Haefeli a Zurigo e lo studio di Hans e Walter Bösiger a Bienne. Nel 1905 entrò a far parte, in qualità di responsabile, dello studio Bracher & Widmer (divenuto in seguito Bracher, Widmer & Daxelhoffer). Nel 1923 divenne associato della neocostituita Daxelhoffer & Widmer, cui si devono edifici rappresentativi quali la Biblioteca cant. univ. di Friburgo (1907-10), il tribunale cant. di Berna (primo premio, realizzazione 1906-10), la sede della Banca popolare sviz. (1908-10) e l'Hotel National a Berna (1909). Lo studio realizzò inoltre una dozzina di scuole, tra cui l'edificio scolastico Zelgli ad Aarau (1909-11), di importanza sovraregionale. Attorno al 1910 ai massicci corpi edilizi in stile neobarocco, di ispirazione franc., si sostituì un linguaggio formale influenzato da tipi edilizi locali (in particolare del XVIII sec.), il cosiddetto barocco bernese; a ciò si aggiunse la combinazione di forme costruttive cittadine e rurali (si veda, ad esempio, la fuga di case sul lato orientale della piazza della stazione di Berna con l'Hotel Schweizerhof, 1911-13). Con l'edificio postale di Aarau (1914-15) e, in modo più radicale, con il ginnasio Kirchenfeld di Berna (1923-26) lo studio si concentrò sempre più sullo stile neoclassico; ottenne un buon successo a numerosi concorsi, conseguendo, tra l'altro, il secondo premio a quelli per la Banca nazionale a Berna (1907) e per l'Univ. di Zurigo.

Riferimenti bibliografici

  • Architektenlex., 82 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 22.10.1878 ✝︎ 17.2.1927