de fr it

Redressement national

Ass. della destra borghese fondata nel 1936 a Zurigo quale ufficio permanente di coordinamento delle campagne per le votazioni, che ebbe origine dalle esperienze compiute in occasione dell'iniziativa di crisi lanciata nel 1935 dalla sinistra. L'org. nacque come Comunità d'azione per la ricostruzione nazionale per iniziativa di rappresentanti delle principali ass. economiche, ex esponenti della Lega per il popolo e la patria, anticomunisti romandi e futuri firmatari della Petizione dei 200. Gli obiettivi dell'ass. erano la lotta contro le tendenze stataliste e centraliste, l'applicazione dei principi del liberalismo economico, il rafforzamento del federalismo e la tutela dei valori spirituali e morali. Fino agli anni 1950-60 il Redressement national svolse un'attività di lobbying in favore degli interessi liberali; in seguito questo ruolo gli fu conteso dalla Soc. per il promovimento dell'economia sviz. e quindi dovette rivedere il proprio orientamento. Rinominata Unione per la libertà, il federalismo e il diritto (1961), l'org. si concentrò su questioni fiscali e relative alle finanze fed. e su problemi di diritto fondiario. Dal 2001 ha assunto il nome di Azione liberale e difende gli interessi dei ceti medi.

Riferimenti bibliografici

  • Archivio storico (1936-1993) presso AfZ
  • RN: Redressement national, 1936-1986, [1986]
  • P. Niggli, J. Frischknecht, Rechte Seilschaften, 1998
  • C. Werner, Für Wirtschaft und Vaterland, 2000, 171-197