de fr it

David dePury

4.12.1943 Berna, 26.12.2000 Zurigo, rif., di Neuchâtel e Saint-Blaise. Figlio di Jean-Jacques, avvocato, e di Marguerite Miescher. 1) (1970) Sandra-Watson Cueno, figlia di Ernest; 2) (1991) Maria-Eugenia Echeverria, diplomatica, cittadina peruviana. Conseguì la licenza in diritto a Ginevra, dove lavorò come avvocato (1968). Diplomatico (dal 1970), fu negoziatore capo per la Svizzera in occasione degli accordi dell'Uruguay Round del GATT (1986-91). In seguito fu attivo nel settore dell'economia privata; dal 1992 al 1996 ricoprì la carica di copres. del gruppo ABB. Nel 1995 fu coautore di un "libro bianco" (Mut zum Aufbruch) che, perorando una maggiore liberalizzazione dell'economia sviz., fece scalpore. Nel 1996 creò la soc. finanziaria de Pury Pictet Turrettini & Cie SA (Ginevra e Zurigo). Membro di diversi consigli di amministrazione, tra cui quello di Nestlé, fu cofondatore e pres. del quotidiano Le Temps (1998).

Riferimenti bibliografici

  • Vision dans l'urgence: écrits et entretiens, 1990-2000, a cura di M.-E. Echeverria, 2002 (con biogr.)
  • AA. VV., La famille Pury, 1972, 17, 19
  • Le Temps, 28 e 30.12.2000
  • NZZ, 28 e 29.12.2000
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 4.12.1943 ✝︎ 26.12.2000

Suggerimento di citazione

Inderwildi, Frédéric: "Pury, David de", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 22.06.2012(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/047225/2012-06-22/, consultato il 27.10.2020.