de fr it

KarlImfeld

6.10.1931 Sarnen, catt., di Sarnen. Figlio di Karl Felix, operaio di fabbrica, e di Hermine Jakober. Dopo il liceo umanistico a Sarnen e Altdorf (UR, 1945-53), ha studiato filosofia e teol. catt. a Coira (1953-58). È stato vicario della parrocchia della cattedrale di Coira (1958-62), cappellano (1962-69) e parroco (1969-96) a Kerns. Stimolato dal movimento della nuova letteratura dialettale, dall'amicizia di Julian Dillier e dalla cerchia di autori ted. e austriaci vicini all'Ist. intern. di dialettologia di Vienna, ha iniziato dal 1978 a pubblicare testi di critica sociale in versi e in prosa (fra cui Dischtlä sind ai Bliämä, 1978), traduzioni (ad esempio del Vangelo di Marco, Markusevangeeli Obwaldnerdytsch, 1979), e pièce teatrali in dialetto obvaldese (Chärnser Chrippäspil, 1982). È inoltre autore di radiodrammi in ted. (Pilgerzug, 1987; Einsame Reise, 1990) e di contributi linguistici come il dizionario del dialetto di Obvaldo (Obwaldner Mundart-Wörterbuch, 2000).

Riferimenti bibliografici

  • Kosch, Deutsches Literatur-Lex., vol. suppl. 5, 182
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 6.10.1931