de fr it

HenriCopponex

25.9.1907 Les Eaux-Vives (oggi Ginevra), 9.6.1970 Perroy, rif., di Confignon. Figlio di Henri, artigiano e proprietario di un commercio di vernici, e di Anna Maeder. Simone Marti, figlia di Adolphe, direttore di scuola. Studiò matematica e ingegneria civile al Politecnico fed. di Zurigo, diplomandosi nel 1932. Lavorò come ingegnere in Francia, dove costruì diversi ponti. Ritornato in Svizzera, dal 1935 alla morte insegnò alla scuola tecnica superiore di Ginevra. Appassionato di vela sin da giovane, C. partecipò come timoniere a numerose regate in Svizzera (fu diverse volte campione sviz.) e all'estero. Dopo aver preso parte ai giochi olimpici di Londra nel 1948 e di Helsinki nel 1952, alle Olimpiadi di Roma del 1960 conquistò, con i suoi due compagni di squadra, la medaglia di bronzo nello yachting (categoria dei 5,5 m). Come architetto navale disegnò i piani di diverse barche, da quelle molto piccole (i cosiddetti Moscerini) ai 30 m; le sue imbarcazioni più note rimangono comunque i cosiddetti Lacustre e i 5,5 m.

Riferimenti bibliografici

  • Nautisme romand, 1987, n. 107, 14-21
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 25.9.1907 ✝︎ 9.6.1970