de fr it

ErnstGeiger

Manifesto dell'artista per promuovere la funicolare Ligerz-Montagne de Diesse nel 1930 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
Manifesto dell'artista per promuovere la funicolare Ligerz-Montagne de Diesse nel 1930 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste). […]

1.2.1876 Turgi, 16.12.1965 La Neuveville, senza confessione, di Au (SG) e Brugg (dal 1877). Figlio di Ulrich, commerciante di vini, e di Sophie Schwarz. 1) Maria Bockhoff, di Singen; 2) Margarete Fahrer, di Lyss. Studiò scienze forestali al Politecnico di Zurigo, diplomandosi ingegnere forestale, e poi scienze naturali all'Univ. di Zurigo, conseguendo il dottorato con una apprezzata monografia sulla Bregaglia (1900). Insegnò alla scuola nuova di Haubinda (Turingia) e a Gränichen. Da Cuno Amiet apprese la tecnica dell'incisione su legno; incoraggiato da Giovanni Giacometti, frequentò le acc. di belle arti di Monaco e Parigi. Dal 1906 visse della sua pittura. Nel 1911 si stabilì a Twann; nel 1918 acquistò l'Hof di Chavannes, dove allestì visite dell'atelier ed esposizioni periodiche. I suoi paesaggi a olio risentono dell'influenza di Giovanni Segantini e Ferdinand Hodler.

Riferimenti bibliografici

  • APriv Ernst Geiger
  • DBAS, 380
  • R. Ghisler, «E. Geiger 1876-1965», in Brugger Neujahrsblätter, 111, 2001, 39-46
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 1.2.1876 ✝︎ 16.12.1965