de fr it

AlfonsMaissen

29.3.1905 Ilanz, 5.6.2003 Coira, catt., di Sumvitg. Figlio di Augustin, produttore di legno, e di Anna Cahannes, di Breil/Brigels. Fratello di Flurin (->). Lelja Tasch, originaria della Croazia. Dopo la scuola magistrale a Coira, insegnò a Dardin (dal 1925) e a Ilanz (dal 1936). Studiò musica e canto a Friburgo e Ginevra (in particolare con l'abate Joseph Bovet e Otto Barblan) e romanistica a Zurigo, conseguendo il dottorato nel 1943. Dal 1946 al 1970 fu docente di ted., it. e rom. alla scuola magistrale di Coira. Studioso di cultura popolare rom., fu attivo come filologo (collaborò al Dicziunari Rumantsch Grischun), traduttore (Las aventuras de Pignoc, 1956; Clapitsch, 1981), biografo e redattore delle riviste Igl Ischi (1962-72) e Radioscola (1955-80). Fu un instancabile ricercatore e collezionista di oggetti appartenenti soprattutto alla cultura materiale della Surselva; ca. 7000 oggetti della sua collezione costituirono il nucleo del Museo regionale della Surselva di Ilanz, da lui promosso e inaugurato nel 1988. Con Bartholomé Schocher realizzò inoltre diversi cortometraggi. Allestì anche una raccolta di ca. 3000 canti popolari e sacri rom. e curò nel 1945, insieme a Werner Wehrli e Andrea Schorta, l'edizione di Lieder der Consolaziun dell'olma devoziusa. Il suo lascito è di straordinaria importanza per la storia culturale dei Grigioni.

Riferimenti bibliografici

  • Brauchtum, Handwerk und Kultur: Landschaftliches, Volkskundliches, Handwerkliches und Sprachlich-Literarisches aus der Surselva mit Ausblicken auf den übrigen Alpenraum, 1998
  • Historia, lungatg e cultura: Contribuziuns arisguard historia, cant, usits, mistregn, lungatg, litteratura e cultura dil mund romontsch, 1998
  • Corrispondenza e documentazione presso ASGR
  • Documentazione fotografica presso Dicziunari Rumantsch Grischun
  • NZZ, 29.4.1999
  • Bündner Jahrbuch, 2005, 148-152
Link
Altri link
fotoCH
e-LIR
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Collenberg, Adolf: "Maissen, Alfons", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 02.11.2010(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/048697/2010-11-02/, consultato il 24.11.2020.