de fr it

ArthurHonegger

27.9.1924 San Gallo,15.8.2017 Nesslau, riformato, di Dürnten. Figlio di Elsa Klara Honegger. (1949) Heidi Vogelbach, figlia di Otto Vogelbach. Figlio illegittimo, Arthur Honegger crebbe presso genitori affidatari a Tann, nel comune di Dürnten (sottrazione di minori). All'età di 14 anni fu affidato all'istituto Pestalozzi di Schlieren, poi a un contadino (appalto di manodopera minorile) che lo maltrattava. Nel 1941 fu internato senza motivazioni nella casa di educazione al lavoro Uitikon, dove rimase fino al raggiungimento della maggiore età nel 1944. In seguito, l'aggiunto e assistente sociale dell'istituto gli rese la vita difficile ancora per diversi anni. Grazie alla sua tenace volontà di giustizia, alla sua creatività e alla relazione con la moglie, che gli forniva stabilità, Honegger riuscì a sottrarsi alla spirale di ulteriori, prevedibili, internamenti e privazioni della libertà.

Arthur Honegger nel suo appartamento. Immagini tratte da un reportage fotografico del 1981 della Comet Photo AG (ETH-Bibliothek Zürich, Bildarchiv, Bestand Comet Photo AG, Com_LC1500-0475-001 e Com_LC1500-0475-002).
Arthur Honegger nel suo appartamento. Immagini tratte da un reportage fotografico del 1981 della Comet Photo AG (ETH-Bibliothek Zürich, Bildarchiv, Bestand Comet Photo AG, Com_LC1500-0475-001 e Com_LC1500-0475-002).

Dopo essere stato liberato, lavorò come bracciante e cameriere, segretario del Partito socialista (PS) del canton Turgovia (1960-1962), giornalista (tra l'altro come opinionista del Blick con la firma Turi) e scrittore indipendente (letteratura tedesca). Dal 1991 al 2000 fu deputato socialista al Gran Consiglio sangallese. Nei suoi romanzi descrive la vita dei ragazzi collocati presso terzi (Die Fertigmacher, 1974; Bernies Welt, 1996), dei contadini e degli operai negli anni 1930-1950 in Svizzera (Freitag oder Die Angst vor dem Zahltag, 1976; Wenn sie morgen kommen, 1977). Gli furono conferiti il premio di riconoscimento della città di Zurigo (1974), il premio della Fondazione Schiller svizzera (1976), il premio di riconoscimento della Fondazione culturale del canton San Gallo (1999) e il premio Anna Göldi per persone o istituzioni che si sono distinte nel campo dei diritti umani (Anna-Göldi-Menschenrechtspreis, 2015). 

Riferimenti bibliografici

  • Honegger, Arthur: Die Fertigmacher, 1974 (edizione ampliata con elenco delle opere 2004).
  • Honegger, Arthur: Götti, 2006.
  • Honegger, Arthur: Der rote Huber. Reportagen, 2007.
  • Honegger, Arthur: Bedrohliche Tage, 2009.
  • Honegger, Arthur: Wovon ich rede. Gegen alle Widerstände. Ein autobiografisches Protokoll, 2012.
  • Wohlwend, Lotty; Honegger, Arthur: Anime rubate. Bambini svizzeri all'asta​​​​​​, 2016 (tedesco 2004).
  • Weder, Bruno H.: «Arthur Honegger», in: Kritisches Lexikon zur deutschsprachigen Gegenwartsliteratur, vol. 6, 2002.
  • «"Wenn ich kann, schreibe ich gegen das Unrecht an". Arthur Honegger im Gespräch mit Charles Linsmayer», in: Honegger, Arthur: Die Fertigmacher, 2004, pp. 235-340.
  • Wohlwend, LottyTuri. Ein Film über Arthur Honegger. Das Dokument eines Mannes. Das Schicksal einer Generation, 2004 (film).
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Turi (pseudonimo)
Turi Honegger
Dati biografici ∗︎ 27.9.1924 ✝︎ 15.8.2017

Suggerimento di citazione

Rosmarie Zeller: "Honegger, Arthur", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 05.02.2024(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/048742/2024-02-05/, consultato il 25.07.2024.