de fr it

CarlIrlet

Carl Irlet osserva i pali che emergono dalle acque del lago di Bienne. Fotografia, 1915 ca. (Fraubrunnenhaus, Pfahlbausammlung Carl Irlet, Twann).
Carl Irlet osserva i pali che emergono dalle acque del lago di Bienne. Fotografia, 1915 ca. (Fraubrunnenhaus, Pfahlbausammlung Carl Irlet, Twann). […]

12.3.1879 Twann, 6.3.1953 Twann, rif., di Twann. Figlio di Karl, giudice distr. e commerciante, e di Louise Feitknecht, commerciante. (1907) Nina Bott, figlia di Manfred, medico a Soletta. Dopo aver studiato teol. a Berna, fu pastore a Soletta (1904-14), Baden (1914-21) e Berna (1921-33, chiesa di S. Paolo). Fu il promotore e il direttore dell'Azione sviz. di assistenza ai bambini ungheresi (1920-28), che permise a più di 10'000 di loro di passare le vacanze presso fam. sviz. Nel 1930 partecipò alla fondazione della Soc. Svizzera-Ungheria, che presiedette fino al 1953. Dopo il pensionamento, si dedicò all'archeologia, come già avevano fatto suo padre e suo nonno Wilhelm, e costituì la più importante collezione privata di reperti palafitticoli del lago di Bienne. Nel 1925 ricevette il dottorato h.c. dell'Univ. di Debrecen (Ungheria).

Riferimenti bibliografici

  • AFam, Twann (Fraubrunnenhaus)
  • US, 16, 1953, 25-27
  • C. Irlet, 1955
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF