de fr it

GianPedretti

19.4.1926 Basilea, senza confessione, di Mathon e Celerina/Schlarigna. Figlio di Turo (->). (1952) Erica Schefter (->). Ha frequentato la scuola di arti applicate a Zurigo (1942-47, allievo tra l'altro di Ernst Gubler) e si è formato come argentiere. Nel 1951 ha soggiornato a Parigi, dove ha fatto la conoscenza di Alberto Giacometti. Fino al 1966 ha lavorato soprattutto come scultore, poi come pittore. La sua opera pittorica, che indaga aspetti legati all'esistenza umana e al ciclo della vita, è costituita da paesaggi, ritratti e nature morte ad olio connotati da un'intensa espressività. P. ha realizzato inoltre ritratti in acrilico o a dispersione in tonalità pastello (anni 1980-90) e un ciclo pittorico astratto in bianco e nero (1999-2003). Dal 2006 dipinge nature morte con fiori appassiti. È pure autore di testi in prosa.

Riferimenti bibliografici

  • DBAS, 808
  • G. Pedretti - der Maler, cat. mostra Bienne, 2007 (con bibl. ed elenco delle op.)
Link
Altri link
SIKART
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 19.4.1926