de fr it

ZweifelZH

"Il succo di mele Zweifel fa bene alla salute". Manifesto pubblicitario realizzato dal grafico Hermann Eidenbenz, 1951 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
"Il succo di mele Zweifel fa bene alla salute". Manifesto pubblicitario realizzato dal grafico Hermann Eidenbenz, 1951 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).

Fam. di Zurigo-Höngg, attestata la prima volta nel 1346 a Höngg con Uolricus Zwifel. Dall'inizio del XV fino all'inizio del XVI sec. alcuni suoi membri furono mugnai del mulino in der Au (Höngg), nel XVI sec. in alternanza con i Nötzli. La fam. annoverò inoltre luogotenenti balivali e fabbricieri (Stillständer). Dal 1709 la cosiddetta casa Z. a Höngg, una fattoria costruita verso il 1633, è di proprietà della fam. Con Paul (->), ginecologo, la fam. contò un medico attivo oltre i confini sviz. I fratelli Paul (1872-1923) ed Emil (1874-1938), figli di Conrad (1841-1895), viticoltore e cugino di Paul, fondarono nel 1898 la ditta Gebrüder Zweifel. Oltre al vino produssero anche sidro, il che presto superò il primo, per cui dal 1938 la ditta fu denominata Mosterei Zweifel & Co. Nel 1948 occupava una cinquantina di lavoratori. Dal 1957 produsse inoltre patatine, un prodotto che la rese famosa in tutta la Svizzera. Dagli anni 1960-70 la vinificazione riacquistò importanza rispetto alla fabbricazione di sidro, abbandonata nel 1983. All'inizio degli anni 2010-20 le aziende Zweifel Pomy Chips AG e Zweifel Weine AG, esistenti dal 1966, erano ancora unite in una holding di fam.

Riferimenti bibliografici

  • R. Frei, G. Sibler, Die Familie Zweifel von Höngg, 1983 (con genealogia)
  • H. P. Treichler, 100 Jahre Zweifel, [1997]
  • G. Sibler, Das "Stammhaus" Zweifel in Höngg, 2003
Link
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Baertschi, Christian: "Zweifel (ZH)", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 03.03.2014(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/049466/2014-03-03/, consultato il 25.10.2020.