de fr it

vonSal

Fam. nobile e di Consiglieri di Winterthur attestata dal XIII al XVI sec., chiamata anche Sala o Saler. La fam. trae probabilmente origine dalla fortezza di Untersal presso Oberembrach. Eventuali rapporti di parentela con l'omonima fam. zurighese non sono attestati. I von S. conclusero alleanze matrimoniali con la nobiltà terriera della Svizzera orientale e della Germania meridionale. I primi esponenti della fam. sono menz. come testimoni (dal 1279) e membri del Consiglio a Winterthur (dal 1287). I von S. annoverarono regolarmente membri del Piccolo Consiglio e scoltetti (l'ultima volta con Hans nel 1506). Numerose donne della fam. furono priore del vicino convento di domenicane di Töss; Elisabetha fu badessa del convento di Frauenthal (1409-25). I von S., la cui storia è strettamente legata a Winterthur, dal XIV sec. figurano tra le fam. più importanti di questa città asburgica.

Konrad (1396) e suo figlio Laurenz, vassalli degli Asburgo, ricoprirono senza interruzioni la carica di scoltetto a Winterthur (1364-1405): attorno al 1390, Konrad, membro del consiglio ducale, era uno dei politici più influenti della Svizzera orientale. Laurenz, membro del Piccolo Consiglio (dal 1388) e scoltetto di Winterthur (dal 1396), cadde alla testa delle truppe di Winterthur nella battaglia dello Stoss (guerre di Appenzello, 1405). Sua sorella Anna fu priora del convento di Töss (1400); suo fratello Hans fu Consigliere (dal 1407) e scoltetto (1409-34) di Winterthur. Quest'ultimo difese gli interessi degli Asburgo nella città, istituì una cospicua messa di anniversario per la sua fam. (1428) e acquistò la fortezza di Freienstein nella bassa valle della Töss (1429). Laurenz (1468/69), abiatico di Hans, fu più volte scoltetto (1459-68) e guidò con successo la difesa di Winterthur (1460), attaccata da un esercito conf. Suo fratello Rudolf fu monaco a Sankt Blasien e, dal 1485 al 1500 ca., verosimilmente abate del monastero di Beinwil-Mariastein. Un altro fratello, Konrad, fu al servizio degli Asburgo in Tirolo. Küngold, figlia di Laurenz, dal 1489 fu priora del convento di Töss. Suo fratello Hans (1529) crebbe alla corte di Innsbruck. Dal 1483 fu l'ultimo esponente della fam. attivo politicamente a Winterthur, città data in pegno a Zurigo (1467), ma che manteneva strette relazioni con gli Asburgo. La situazione economica dei von S. peggiorò al più tardi attorno al 1500, malgrado il possedimento del castello di Girsberg (ZH, 1514-25). Quando ad Hans venne concessa una prebenda ospedaliera (1524), per i servizi resi a Winterthur, i suoi figli avevano lasciato la città già da tempo. L'ultimo esponente maschile della fam. morì verso la metà del XVI sec. nella Foresta Nera.

Riferimenti bibliografici

  • E. Stauber, Die Burgen des Bezirkes Winterthur und ihre Geschlechter, 1953
  • P. Niederhäuser, «Zweien "gnädigen Herren" untertan», in ZTb 1996, 1995, 135-175
  • HS, IV/5, 929, 932 sg.
  • P. Niederhäuser, «"Durch der herschafft willen lip und guot gewaget"», in SVGB, 122, 2004, 37-58